Memento

5 aprile 2021

È aprile e ancora non ho scritto il mio classico report dell’annuale edizione del FOSDEM. Ma mi si potrà perdonare: ho voluto attendere almeno di ricevere la maglietta per essere titolato a dire “Si, ho partecipato”.

Benché con tutti i limiti del caso. Anche il FOSDEM 2021, come tante altre conferenze e convegni degli ultimi mesi, ha dovuto adottare la formula “solo online” a causa della pandemia COVID-19 (e delle relative restrizioni), con tutti i pro e i contro annessi. Dal canto mio ho cercato di attenermi quanto più possibile alla routine, concedendomi al sabato pomeriggio qualche birra con gli amici torinesi altrettanto privati dell’appuntamento belga e passando le due serate di sabato e domenica in call con gli abituali compagni di viaggio sorseggiando birra Delirium (appositamente reperita in un negozio specializzato qui in città) e commentando i talk delle rispettive giornate, ma più in generale questo approccio è stato il filo conduttore dell’intera manifestazione: il meme del FOSDEM.

Nei due giorni sull’account Twitter del FOSDEM e sul main channel della chat Matrix opportunamente predisposta per l’occasione sono circolate raccomandazioni e annunci molto familiari agli habitué: le code per il pranzo, le devroom perennemente piene, e persino il guardaroba è diventato oggetto di attenzione sui social. Insistendo molto su quella che è la classica esperienza dal vivo e puntando a mantenere un alto livello di coinvolgimento emotivo ancor prima che tecnico – basato sulla nostalgia o forse anche su un certo senso di elitarismo, quello del “io ci vado tutti gli anni, so di cosa stanno parlando”.

In queste circostanze è stato oggettivamente difficile osservare e capire quali potessero essere le tendenze e le inclinazioni, non essendoci appunto nulla da osservare se non al massimo i numeri degli utenti che stavano nelle diverse chatroom destinate alle sessioni tematiche e agli stand informativi. Comunque poco significativi, giacché – cifre alla mano – la quantità di visitatori registrati è stato molto più grande del numero di utenti attivi sulle suddette chat (come del resto è capitato anche per il Linux Day 2020).

Inevitabilmente la pandemia COVID, con le sue conseguenze, è stato un tema più volte tirato in ballo: in particolare consiglio il talk dedicato a come il team Jitsi ha affrontato l’enorme crescita di traffico sulla loro istanza pubblica a seguito del primo lockdown. Sarebbe stato lecito aspettarsi qualcosa di più in merito, essendo stato l’ultimo anno particolarmente impegnativo per tutti coloro che operano nel settore IT (e dunque spesso con soluzioni libere e open source) ma mi aspetto che di questo si parlerà ancora nella prossima edizione, quando – sperabilmente – si potranno fare analisi e trarre conclusioni a freddo.

Mi limito a constatare quanto si sia molto ristretta la questione relativa alla sostenibilità del modello open source, che invece aveva dominato a febbraio 2020. Forse perché le domande sono state fatte e sono ancora sul tavolo, ma le risposte non sono ancora state trovate ed in pochi si azzardano a muovere considerazioni che, in un modo o nell’altro, già sono state fatte. Qualcuno ci prova ma senza andare molto lontano, qualcun altro cincischia e tergiversa sulla questione “etica” (durante questo intervento ho scambiato male parole con un sostenitore del post-opensource sulla chat), un altro menziona una iniziativa di natura governativa svolta in Francia, ma complessivamente non sono ancora emerse posizioni forti degne di nota. Quantomeno non al FOSDEM.

Insomma: non credo che da noi veterani il FOSDEM 2021 sarà ricordato per altro che non per la sua inedita modalità, e tutti speriamo che si tratti di una eccezione unica. E di poterci ritrovare a febbraio 2022 nuovamente a Bruxelles, magari in compagnia di qualcuno dei tanti che quest’anno per la prima volta hanno potuto partecipare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.