Chiavi in Mano

31 ottobre 2016

Qualche giorno fa è successo che uno di noi, attivista della comunità freesoftware italiana, si sia trovato in riunione con un referente del Ministero dell’Istruzione per ragionare sulla diffusione di Linux e del software libero nella scuola italiana. E contrariamente a quanto accaduto nelle diverse precedenti occasioni stavolta l’incontro si è tradotto in un appello finalizzato a coinvolgere da subito le diverse realtà operative nel settore (tra cui ovviamente Italian Linux Society) per definire insieme una risposta da dare a fronte delle richieste e delle osservazioni mosse.

Il problema è che quel che è stato chiesto – e che conseguentemente è stato chiesto ai soggetti successivamente coinvolti – è un “pacchetto” di soluzioni e riferimenti da dare alle scuole, un “prodotto, chiavi in mano” da esporre ai potenziali interessati, da far “benedire” al MIUR insieme ai tanti altri pacchetti presentati dai numerosi vendor che ci hanno preceduto. Cosa che, come comunità, non siamo e non saremo mai né capaci né interessati a fare.

Non ne siamo capaci perché, per l’appunto, siamo una comunità, ovvero un insieme eterogeneo di persone variamente assortito che possono occasionalmente donare un po’ di tempo ed un po’ di competenze ma che non possono fornire garanzie, tempi e modi certi. Ci sono diversi volontari che hanno fatto e fanno grandi cose presso le scuole della loro zona, dal ripristino dei laboratori informatici al coinvolgimento in attività didattiche (informatiche, e non solo), ma certo non si può pretendere che essi seguano un modello predefinito, che rispettino delle pianificazioni fatte da altri e che seguano dei protocolli unici per tutti. L’approccio del LUG di Voghera è diverso da quello di Spoleto, che è diverso da quello di Agrigento, cosiccome sono diverse le competenze, gli interessi, le ambizioni, le preferenze e le disponibilità. Non siamo mai stati in grado di metterci d’accordo su una distribuzione da installare, figuriamoci costruire una unica e coerente rete di assistenza di livello professionale.

Ma anche assumendo per assurdo che ne fossimo capaci, che potessimo prenderci questa responsabilità ed agire non come tanti soggetti autonomi ed indipendenti ma come un unico operatore con una linea unica e condivisa; assumendo che fossimo in grado di dare in un colpo solo sostenibilità su scala nazionale a queste attività, e garantire una copertura completa di operatori sempre pronti a rispondere al telefono ed intervenire dove e quando necessario; assumendo di voler compiere questo sforzo anche a fronte del fatto che non sarebbe garanzia di nulla, in quanto (come già noto) il Ministero non ha potere di obbligare nessuna scuola a nulla ed in ogni caso la nostra ipotetica “Linux SpA” sarebbe un operatore come tutti gli altri, in competizione su un mercato già assediato da commerciali accaniti, offerte promozionali allettanti e strategie di marketing aggressive; assumendo di poter realizzare il “prodotto, chiavi in mano” della richiesta iniziale: davvero vorremmo farlo?

Quello che abiamo noi oggi non è un prodotto, ma un modello. Il modello dei gruppi di discussione e confronto, presso cui docenti di ogni scuola e grado spontaneamente scambiano esperienze e progetti fornendo degli esempi da seguire (o da evitare); il modello delle applicazioni software implementate collaborativamente, coinvolgendo tecnici, insegnanti e studenti, che non solo assolvono alla loro funzione di calcolo ma che diventano essi stessi oggetto di approfondimento didattico; il modello dei contenuti condivisi, elaborati, migliorati, e nuovamente condivisi per gli altri; il modello degli strumenti digitali usati in modo creativo ed innovativo, perché lo scopo non è insegnare ad usare il mero strumento (che, data l’evoluzione in campo digitale e non solo, cambia ogni sei mesi) ma insegnare a risolvere problemi e combinare informazioni.

Certo una offerta di questo genere non può essere rivolta a tutti gli insegnanti che lavorano nella scuola italiana. Molti di essi, la maggioranza, fino al giorno della pensione continueranno ad interrogare i loro studenti sulla data di nascita di Napoleone, sul paragrafo evidenziato a pagina 122 del libro di testo, e su qual’è il tasto dell’applicazione usata in laboratorio che serve a stampare un foglio di carta. Essi continueranno sempre a scegliere i propri strumenti didattici – software, hardware ed editoriali che siano – da un catalogo preconfezionato che un commerciale in giacca e cravatta gli ha portato. Ma voglio sperare (fortissimamente spero) che quello non sia il campione preso come riferimento dal Ministero per pianificare la direzione da far prendere alla scuola nei prossimi 5, 10 o 20 anni. Metodi nuovi, approcci nuovi e strumenti nuovi sono il frutto di pochi, pochissimi, che in aula ci provano tutti i giorni, a volte riuscendo e a volte no, dai quali deriva quella costante e forse inconsapevole attività di ricerca e sperimentazione che, un domani, sarà ingegnerizzata e presentata sottoforma di un nuovo prodotto sui summenzionati cataloghi e raggiungerà la maggioranza degli altri insegnanti, incidendo praticamente sulla didattica di tutti. È successo così per i pazzi visionari che hanno inventato senza saperlo il “coding” (adottato nel mondo freesoftware italiano almeno dal 2010, oggi consacrato dalle istituzioni) o hanno portato in classe i primi Arduino (laddove oggi il “making” viene considerato l’ultima frontiera).

A quei pochi, pochissimi, è destinata l’offerta di un modello. Per facilitare ed accelerare la loro opera, abilitare (per quanto possibile) altri insegnanti a fare altrettanto, e segnare una strada che poi, dopo, con comodo, i fornitori di “pacchetti” chiavi in mano e un tanto al chilo seguiranno. Se l’unica cosa che il rappresentante MIUR di turno si aspetta di trovare sulla scrivania è un catalogo patinato, temo proprio che non potrò accontentarlo. Non posso. E dopotutto neanche voglio. Che il Ministero lo voglia o no, c’è un futuro da costruire.

 

[Post Scriptum: ad ogni modo, a prescindere dal MIUR, intendo approfittare di questa situazione e di questo stimolo per condurre un paio di attività di monitoraggio sul rapporto tra scuole e LUG, su cui sinora ho procrastinato fin troppo. Dopotutto anche questa vicenda ha un suo risvolto positivo…]

2 Risposte to “Chiavi in Mano”

  1. maupao Says:

    Condivido il tuo approccio in toto


  2. […] Chiavi in Mano #:free open source software ::: MadBob […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...