Posts Tagged ‘pirateria’

La Nave dei Pirati

9 febbraio 2011

Personalmente reputo il rapporto tra “file sharing” e “liberta’ digitali” piuttosto complicato.

La tecnologia peer-to-peer e’ indubbiamente interessante ed utile, in principio perche’ permette di delegare la presenza online di grosse quantita’ di bytes che altrimenti costerebbero non poco in termini di banda e risorse se hostati su un server (esempio classico: le ISO delle distribuzioni Linux), e poi perche’ abilita una serie di altri spunti collaterali molti dei quali decisamente troppo ambiziosi ma comunque sfiziosi (come il progetto P2P-DNS, mirato alla decentralizzazione dell’infrastruttura DNS e garantire la raggiungibilita’ pure ai siti scomodi). A tali risvolti positivi e propositivi si aggrappano gli occasionali appelli per la liberizzazione e la difesa del file sharing, i quali puntualmente spuntano fuori ai primi vagiti di qualsiasi legge di qualsiasi giurisdizione finalizzata invece ad arginare magari con metodi drastici gli aspetti negativi, ovvero la pirateria ed il traffico illegale di materiale protetto da forme di copyright non permissivo.

Ma io, che penso sempre male, non sono del tutto persuaso del fatto che il download delle ISO di software libero sia l’unica motivazione di codeste ripetute e costanti levate di scudi. Un indizio di cio’ sta nella progressiva diffusione dell’argomentazione relativa alla “cultura libera”, stando alla quale tutti dovrebbero avere pieno diritto di accedere al materiale artistico (film, musica, libri…) senza dover pagare le spesso immotivate cifre chieste dagli editori cattivi e avidi. Insomma, siamo passati dal “il P2P non e’ illegale a priori, dunque non deve essere bloccato a priori” a “esiste il diritto alla cultura, dunque tutti devono poterla ottenere gratis”. Che e’ proprio tutt’altra cosa.

Partiamo da due presupposti.

Il primo e’ che i deterrenti alla pirateria sulle reti di file sharing sono alla portata di chiunque abbia un minimo di cognizione di causa: basterebbe che la Polizia Postale o chi per essa si procuri un client BitTorrent, ogni settimana pigli qualche file torrent a caso, lo metta in download, si appunti gli indirizzi IP di tutti coloro da cui scarica, e se sono nella giurisdizione italiana (controllo facile da effettuare grazie alle aree geografiche in cui sono divisi gli indirizzi) vada a bussare a qualche porta, divulgando poi la notizia della sua efficienza tecnologica sui media e facendola fare sotto agli utenti timorosi di fare la stessa fine. Il che’ implica che ogni legge che per definizione proibisca la condivisione di files a partire dal filtraggio dei dati per accertarsi della loro natura truffaldina e’ pensata male: e’ ingiusta perche’ include la presunzione di reato e la violazione della privacy, abbisogna di grandi risorse tecniche per filtrare tutto il traffico in circolazione, ed e’ una soluzione esagerata e spropositata per un problema risolvibile in modi molto piu’ semplici.

Il secondo e’ che di “cultura libera” e’ gia’ piena l’Internet, e non dubito che superi in quantita’ (ed in qualita’) quella non libera. In virtu’ dei termini temporali di scadenza del copyright, e/o della disponibilita’ di materiale prodotto ancor prima che il concetto di “copyright” esistesse, troviamo che Mozart e’ in pubblico dominio, Elvis Presley anche, Shakespeare pure, Charlie Chaplin, Salgari, pressoche’ tutti gli scrittori che ciascuno di noi ha sentito nominare a scuola. Tutti contenuti distribuibili e fruibili senza dover pagare niente a nessuno. Legalmente.

Per non parlare poi – e qui veniamo al punto – dei materiali volutamente distribuiti con licenze permissive che ne consentono la libera diffusione. Il freesoftware, ad esempio, ma anche la pletora di opere artistiche pubblicate in licenza Creative Commons. Quelle che sono solitamente bistrattate ed ignorate dal pubblico, in quanto… esso puo’ accedere gratuitamente anche alle opere teoricamente protette.

Tempo addietro scrissi un brano (ancora reperibile sul sempre ottimo archive.org) in cui sostenevo quella che considero ancora oggi una indiscutibile verita’: la diffusione capillare del software libero e’ fortemente ostacolata dalla pirateria. Diciamocelo: al di la’ di tutte le fisime sulla liberta’, il riuso, ma anche sulla stabilita’ e l’efficienza, chi spenderebbe davvero 139 euro per la versione piu’ sfigata possibile di Microsoft Office anziche’ chiudere un occhio, fare il piccolo sforzo di cambiare un poco le sue abitudini pregresse, e migrare a OpenOffice? Senza neanche voler menzionare i 1000 e piu’ euro richiesti per una licenza PhotoShop, applicativo ad oggi utilizzato in larga parte da utenti per cui Gimp e’ gia’ sin troppo avanzato, o le centinaia di euro che potrebbe costare un qualsiasi videogioco commerciale laddove viene richiesto un quarto d’ora di download per avere World of Padman.

Lo stesso identico criterio puo’ essere applicato a quella che realmente puo’ essere considerata “cultura libera”, non gia’ i dischi ed i film copiati di nascosto ma i contenuti i cui autori permettono in tutto e per tutto la diffusione e magari anche la modifica e la ridistruzione. Se non esistesse la pirateria, quanti acquisterebbero i CD di Lady Gaga anziche’ usufruire di Jamendo, Magnatune e degli altri repository di musica libera (spesso gratuita, o disponibile a prezzi bassissimi e molto piu’ competitivi)?

Di fatto la pirateria, l’attingere a contenuti protetti secondo le logiche del copyright tradizionale proibizionistico e monopolistico, mina la liberta’ anziche’ estenderla. Almeno, stando alla definizione secondo cui “liberta’ e’ partecipazione”. Perche’ spinge gli utenti a fruire sempre degli stessi prodotti uniformati, gli stessi che sono impacchettati, pubblicizzati e promossi dall’industria (software house, editori, case discografiche, distributori cinematografici o chi per essi), anziche’ guardarsi attorno per cercare alternative ed incuriosirsi alle cose nuove. Conseguentemente, non disponendo dell’interesse e dell’attenzione che funge da retribuzione per i produttori di contenuti alternativi (artisti o sviluppatori), vengono a mancare le motivazioni appunto per creare e divulgare. E la cultura popolare viene fossilizzata ed indotta a seguire gusti e tendenze decise a tavolino, anziche’ quelle meritevoli e valide.

Io credo che la community faccia benissimo a difendere e proteggere il file-sharing, in quanto come detto sopra tale tecnologia ha anche e soprattutto scopi nobili e utili, ma farebbe anche bene a schierarsi con maggiore vigore ed evidenza contro gli usi illegali ed opinabili. Non per perbenismo o cautela, ma proprio perche’ la pirateria va in una direzione diametralmente opposta rispetto agli scopi prefissi. Di appelli per la tutela della condivisione ne ho letti tanti, ma di appelli alla legalita’ ben pochi, e quei pochi erano firmati da Er Piotta.

La nave dei pirati va affondata. E il forziere della cultura libera, rimasto sinora sotterrato, andrebbe infine scoperchiato.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.